Archive for aprile 2011

Pane

30 aprile 2011

Nel secondo giorno degli ozii di inizio maggio, mi sono messo a cercare il pane.

Come noto, l’approvvigionamento di buon pane a Londra e’ abbastanza difficile. Ho un buon fornitore vicino a dove lavoro, ma dove lavoro e’ lontano da dove abito. A Londra tutto e’ lontano, perche’ la morfologia londinese assomiglia a quella di una margherita di vacca su un prato alpino. Bassa e spiattellata.

Mi sono quindi incamminato verso Islington, perche’ non lontano da qui avevo visto due botteghe che riportavano la dicitura “Bakery” nell’insegna. La speranza era media, perche’ insieme a “Bakery” ci stava anche “Patisserie” e “Cafe'”. Come fui quindi in grado di appurare, trattasi di botteghe dove fare colazioni e pranzi veloci, ma che non vendono pane.

Mi sono allora diretto su Church Street, dove so per esperienza esserci una bottega che vende pane che e’ pane, secondo gli standard a cui 36 anni di vita padana mi hanno insegnato.

Sulla via, mi sono perso nel cimitero storico del parco di Abney.

Annunci

Il lavoro

29 aprile 2011

E’ incredibile come il lavoro cancelli ogni energia e possibilita’ di fare altro oltre il lavoro. Questa ‘ una considerazione casuale dopo aver passato 2 felici settimane di ferie a fare i cazzi miei, ed essere tornato al lavoro per soli tre giorni.

Oggi fortunatamente il principe si sposa e quindi sono a casa a riposare.

Ieri sono tornato a casa alle 6 e mezza, mi sono fatto un caffe’ per cercare di non addormentarmi subito, ma invece mi sono addormentato di botto dopo 10 minuti.

In questo senso, il lavoro e’ un estremo atto eroico di amore verso gli altri e altruismo. Al lavoro ci si annulla per fare qualcosa per gli altri. Rimangono 25 giorni all’anno in cui ci si puo’ dedicare egoisticamente a se stessi.

La morale? Non la so, ma comunque e’ e rimane una ghega.

Je fais tous les efforts

28 aprile 2011

Je fais tous les efforts possibles pour etre sec. Je veux imposer silence a mon coeur qui croit avoir beaucoup a dire. Je tremble toujours de n’avoir ecrit qu’un soupir, quand je crois avoir note’ une verite’. (Stendhal)

Non non

5 aprile 2011

Non vedo l’ora di vedere il bosco.