Archive for agosto 2012

Oxford

5 agosto 2012

Inaspettato, un giorno di fine estate mi trovo a Oxford. Ci credo e non ci credo; saro’ io. Saro’ un nuovo io, un altro io. Una nuova vita.

Credo nella magia dei nomi e dei luoghi.

Per un europeo come me, nato nel 1972, Oxford rappresenta forse il luogo che neppure ho mai provato a sognare, non per mancanza di ambizione, ma forse per mancanza di immaginazione – non si puo’ immaginare tutto, la realta’ e’ sempre piu’ creativa della mente piu’ fervida, indeed.

Un centro del mondo, un luogo di origine e di convergenza.

Per chi, come me, crede che le idee sono cio’ che guida il destino delle persone, Oxford e’ il luogo creatore per eccellenza.

Creatore del bene ma anche del male. Che, come si sa, non sono entita’ distinte, ma idee che si mischiano sempre in un miscuglio inseparabile.

Oggi e’ l’ultima domenica a Londra, perlomeno per un po’, come londinese.

Londra e’ una grande citta’, una madre di civilita’. Oxford e’, di certo, il suo cervello – o il suo karma.