I destini del mondo – dell’Europa

by

In queste settimane ci sono alcuni fatti – dibattiti – discussioni che andranno a decidere i destini dell’Europa nei prossimi anni.

Le elezioni italiane sono un fatto europeo importante. A seconda di chi vincera’ e come, l’Europa avra’ infatti destini differenti.

Nel Regno Unito ora piu’ che mai impazza il dibattito sull’Europa, dato che sembra che la capacita’ di Cameron di rallentare l’ala dura di anti-europeisti mostra delle crepe. Quello che qui si vuole fare e’ un referendum sul fatto stesso che il Regno faccia parte o meno dell’Unione Europea. E’ opinione condivisa che se si facesse tale referendum oggi, i britannici voterebbero per uscirne. Per contro, la consapevolezza e’ forte tra le elite finanziarie e intellettuali che l’uscita dall’Europa avrebbe conseguenze drammatiche sul benessere dei britannici stessi. Qui come altrove, il tema del conflitto tra volonta’ popolare e ruolo di guida degli intellettuali e’ piu’ che mai presente (e’ un tema che sto sempre piu’ vedendo in molte parti).

In Francia si dibatte sulla nuova legge che elimina dal codice civile ogni riferimento al genere (sesso) dei genitori nelle relazioni famigliari (detta anche “legge sui matrimoni gay“). Come sempre i francesi non hanno mezze misure e quindi la nuova legge sarebbe fortemente estremamente laicista. Interessante che il Fronte Nazionale non sia contrario a questa modifica del codice civile. L’esito di questo dibattito avra’ ovviamente ripercussioni anche oltre i confini dell’esagono.

In Africa il Mali e la Repubblica Centro-Africana ribollono e il livello del conflitto sembra oggi sull soglia di superare un livello di guardia.

Come mi disse mio padre, il mondo e’ come un calderone di latte bollente che sta per cagliare. A noi giudicare se il fomaggio che ne verra’ fuori ci procura l’acquolina in bocca o la nausea.

Annunci

Tag: , ,

2 Risposte to “I destini del mondo – dell’Europa”

  1. rochy Says:

    Pensa che qui quando grillo ha detto che si sarebbe dovuto fare un referendum sull’euro (non l’europa!) gli hanno detto di tutto. Comunque è un fatto che le elite non riescono in momenti di crisi a comunicare la loro idea alle masse. Forse non ci riescono mai. In ogni caso, l’Europa, per come è nata, è frutto si di una volontà politica pacificatrice etc. (come da Nobel), ma anche e forse soprattutto frutto della volontà delle elite imprenditoriali che avevano bisogno di un mercato più grande e con regole più simili e più adatte alla competizione internazionale, in un certo senso è stata la risposta degli imprenditori alla globalizzazione. Ma come spesso accade la volontà europea di far coincidere gli interessi dell’impresa con quello dei popoli fallisceo comunque incontra enormi difficoltà. E questa è un tipica idea della socialdemocrazia.

  2. Genetti Says:

    beh, tieni conto che “qui” ci sono giornali che pubblicano a prima pagina: “gli immigrati sono delinquenti e stuprano donne bianche” o cose simili

    un problema e’ la definizione di quello che tu chiami “gli interessi dei popoli” – lo sanno i popoli, come fare a raggiungere quello che a loro interessa?

    esempio classico e’ il prezzo calmierato. in certe situazioni, mettere un prezzo massimo per un bene scarso, puo’ sembrare una ottima soluzione, quasi ovvia. il fatto e’ che il bene non diventera’ disponibile a tutti solo perche’ il prezzo massimo e’ fissato, come puoi facilmente immaginare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...