Archive for giugno 2013

For our Turkish Friends

4 giugno 2013

Yesterday evening I posted here on my blog a summary of the news/ pictures/ videos from the Turkish weekend. I thought it was important to fix them on a sort of more static and shareable support than Facebook.

I think it is important to fix some memories today as well, in the absence of decent reports from the so-called official media.

Let’s go. Let’s see what are the news from today.

“Beyazit Ilhan from Turkish Medical Association announced more than 3500 injured on Halk Tv.”

“Taksim Platform, representatives of the protests, will be meeting Bulent Arinc (President of the Assembly, Acting PM) tomorrow. There’s even a probability of President Abdullah Gül meeting with the representatives.”

“Izmir Police Headquarters announced that the group of people who attacked protestors with sticks was undercover cops. Weird statement: no information on why they did it or if they will be punished for it.”

“Bulent Arinc (President of the Assembly, Acting PM): “The press outside Turkey making non-objective broadcasts. They’re not sensible like the Turkish Media. Same things happen in UK, Spain, Italy, Greece. Our government and state is strong, We won’t be deterred by the street. We’ll take care of it.””

“Bulent Arinc: “Social media pumps lies in its irresponsible world.” Twice he skipped answering the question about the ID numbers on helmets being covered. We have solid proof, all the news agencies have footages of minutes of it.”

“Ankara streets on fire. Police have unique ID numbers on their helmets, but they’ve painted it!”

“Bulent Arinc: “The police is using only their shields. If it’s not enough, they use water cannons. As long as their life is not under threat, they don’t use tear gas. They are taking action exactly according to our commands.””

Source: “Occupy Gezi” on Facebook.

Annunci

Non dimentichiamo i nostri amici turchi

3 giugno 2013

Qui di seguito una carrellata di mostruosita’ di cui siamo stati tutti testimoni negli ultimi giorni.

Uno dei famigerati camion con cannone d’acqua Toma2 che getta a mare passanti sul lungomare.

Il conto dei feriti domenica ad Ankara: 414 feriti ospedalizzati, di cui 2 trauma cranici, 1 trauma cranico grave, 2 emorragie cerebrali, 1 perdita di un occhio, 4 con arti rotti, 4 fratture craniche. Ricordiamo che molti poliziotti sono stati fotografati o ripresi ad usare gli spara-lacrimogeni come lancia-lacrimogeni mirando alla testa dei dimostranti da distanza ravvicinata.

Polizia che pattuglia “scortata” da una banda di persone in abiti civili e armate di bastoni.

Polizia che picchia gente a terra o ammanettata.

Polizia che picchia persona inerme.

Polizia che cerca di assaltare un negozio, apparentemente senza riuscirci.

Polizia che spara un lacrimogeno dentro una casa.

Polizia che spara un lacrimogeno a distanza ravvicinata, alla testa, ad un idiota che gli faceva uh-uh davanti.

Sciura che aiuta le vittime di lacrimogeni e gas irritanti con acqua calata dalla finestra con il cestino.

Poliziotto che tira un oggetto a passanti.

Manifestanti che pensavano che bastasse dare un po’ di cibo ai poliziotti per farseli amici.

Uno dei tanti episodi da vigliacchi di cui i poliziotti si sono macchiati: l’uso di spray irritanti su persone circondate da una forza preponderante.

Situazione simile, in una delle foto simbolo della vigliaccheria dei poliziotti.

Una delle tante folle che hanno segnato la domenica di pacifica protesta in ogni angolo dell paese.

Foto suggestiva: una moschea trasformata in ospedale da campo.