Archive for the ‘Citta’’ Category

Traversata londinese, da est a ovest

25 maggio 2014

Ebbene si, nonostante i saggi abbiano vaticinato che i viaggi debbano essere verso est, questa mattina, dato che io abito a est, mi sono diretto a ovest.

Ho sceso il mio abituale canale del Reggente, che ha accolto il mio mal di testa con il suo solito sorriso sornione. Sorriso delle case-barche ormeggiate, dei cigni e dei loro piccoli, delle fioriture ormai estive, dei riflessi di luce provenienti da Canary Wharf.

Superato Limehouse Basin, mi sono addentrato in una terra un po’ piu’ ignota, anche se percorsa parzialmente nel verso opposto una domenica mattina di inizio marzo dopo aver giubilato la notte per l’arrivo della primavera.

Pacifico e calmo, Wapping, con le sue case da abitare, i suoi interni silenzioni e la centrale della polizia di fiume.

Arrivato a Tower Bridge, la marea umana dei turisti mi accoglie, e un matrimonio multiplo indiano, dove si attendono gli sposi a cavallo, ma il tizio a cavallo a presidiare era Cockney 130%.

 

Tower Bridge, maggio 2014

Tower Bridge, maggio 2014

Lasciandomi trasportare dalla fiumana umana, mi dirigo verso il centro della mia camminata, Southbank.

A Southbank pausa ristoratrice.

SouthBank, maggio 2014

SouthBank, maggio 2014

Il London Eye, nella sua semplicita’, ha sempre ilsuo effetto mistico.

Folle titaniche ai piedi del suddetto London Eye, quasi a voler adorare questo simbolo della modernita’.

Appena dopo il suddetto, le folle si diradano.

Westminster, maggio 2014

Westminster, maggio 2014

Dopo Vauxall, inzia la terza parte della camminata. Il fiume si fa liscio e pacifico. Palazzi nuovi o quasi nuovi, o ancora in costruzione, si ergono, per i veri (?) ricchi. East London, con la City e Canary Wharf ma anche con Poplar e Tower Hamlet, e’ alle spalle. [Si’, questo vuol dire che qui sono (quasi) tutti bianchi e ricchi]. Alle spalle anche la confusione turistica del centro. Qui solo residenti [bianchi e ricchi].

Londra, maggio 2014

Londra, maggio 2014

Penultima tappa prima della meta finale, che e’ Hammersmith/ Chiswick, e’ Putney. Dopo 5 ore di camminata, e vicino al 25esimo kilometro, la stanchezza si fa sentire. Penso ad un autobus, ma poi ci ripenso. Te’ e creme brule al cafe’ della chiesa di Santa Maria mi aiutano a riprendere le forze.

Londra, maggio 2014

Londra, maggio 2014

E il dio della camminata mi premia. Dopo Putney il fiume si fa ancora piu calmo e ampio. Il sentiero diventa davvero un sentiero in mezzo al bosco, e il ponte di Hammersmith si avvicina festoso.

Annunci

Tomba di Kamal-o-molk, Neishapur

16 luglio 2011

DUM DUM. Una speranza

15 giugno 2011

Ancora suonano i tamburi nelle piazze al grido di “A casa!!!! A casa!!!”. Idiots. Spero siano un minoranza coloro che hanno votato si si si si solo per dare la “spallata”. Che idea idiota. Potrebbe essere una vana speranza… Magari no… Magari qualcuno ha creduto veramente nell’idea che l’acqua debba essere un bene pubblico, come credo io. Gestito da un ente pubblico. Ma fermare un trend non equivale ad invertirlo. Questo referendum segna una tappa importante per la democrazia italiana perché l’idea dei promotori è contro le direttive europee. Segna una divergenza significativa su ciò che l’economista ci dice di fare e ciò che il popolo sente come bisogno.

IL POPOLO ITALIANO SENTE IL BISOGNO RASSICURANTE DI ESSERE GOVERNATO DA UNA CLASSE EFFICIENTE.

Sentiamo la necessità di possedere come comunità i beni che ci consentono di vivere. Sentiamo il dovere di spronare ed essere di esempio a coloro che delegano il pensiero ad altri perché troppo impegnati a spartirsi la torta. La multiutility non era il futuro era il peggior passato che potevamo perorare, era l’inciucio affarista. Do ut des. A te il dividendo a me la poltrona… e così via. Almeno questa l’impressione che hanno dato. E con i mezzi di comunicazione dalla tua parte non riuscire a far passare un messaggio positivo ce ne vuole. Quindi, assessori, vi chiediamo di essere efficienti. Trasparenti. Vi chiediamo di non sperperare quando usate i nostri soldi, e se non bastano non spendeteli in orpelli, ma in cose buone per vivere. Siamo in crisi, anche se non ve ne frega una mazza perché siete ben serviti. Ci fidiamo ancora. Pensiamo che possiate farcela anche perché se non ce la fate non vi rieleggiamo (speriamo!!! VACCAMADOSCA!!!!!).

Ergo. Coloro che fino ad ora ci hanno governato sono degli incapaci. Ci hanno proposto un modello economico e la hanno gestito che ci sta portando alla bancarotta (nazionale-comunale che sia). Alla prova dei fatti la gran parte di voi non l’ha sostenuto, vi siete dissociati da ciò che fino a ieri era la normalità. Ma che cosa avete nella cabeza? Non solo ci avete confessato implicitamente di non essere in grado di gestire un acquedotto. Avete accettato con inerzia che il sistema potesse essere lacunoso (non ovunque ci piace pensare). Quale ennesima figuraccia. Ma noi crediamo che si possa rifondare la vostra qualità. Abbiamo, nonostante tutto, fiducia nella democrazia. Crediamo che sia possibile eleggere una classe di amministratori normale. Che sappia non peggiorare le cose, che sappia distinguere l’interesse collettivo. Sbagliamo?

Le parti della Città

5 giugno 2010

Era da un po’ che non succedeva, ieri sono stato nella parte ovest del centro di Londra.

E mi sono reso conto di quanto, negli ultimi mesi, mi sono richiuso e affezionato al mio tessuto urbano di Shoreditch e Stoke Newington.

Ieri sono stato a Queensway, e passato da Bayswater Road e Marble Arch. Masse di persone e turisti per strada, Oxford Street che vomitava i migliaia reduci da Primark. In Queensway negozietti per turisti e ristorantini e il grande Centro Commerciale;  e poi il caldo e sul bus c’era anche l’aria condizionata (i bus di lusso del centro/ ovest..) ma c’erano masse di persone urlanti e vocianti.

Mi e’ mancato Shoreditch.

Shoreditch mi e’ stata recentemente paragonata a Brighton. Non so io non sono mai stato a Brighton, ma dicono che e’ un bel posto da viverci o passarci qualche ora allegra.

Shoreditch e’ fatto di case basse, creativi che creano, studi di architetti; Shoreditch e’ il cuore dell’industria informatica creativa britannica, ha decretato la rivista Wired. Ci sono installazioni e mostre. Ci sono statistici che creano immagini del mondo. Ci sono piccole aziende che brigano. Ci sono bar e club e pub per rilassarsi. C’e’ Brick Lane ad un tiro di schioppo.

Fuori da Shoreditch, il mondo e’ brutto e cattivo. E violento.

Shoreditch e’ una prigione dorata.