Posts Tagged ‘storia’

La storia non è finita

24 settembre 2015

La storia non è finita nel 1989. La storia non finisce mai. La storia ci sorprenderà sempre perché sarà sempre nuova e inaspettata anche se sempre si ripeterà.

tri-menata/1

29 ottobre 2009

Da wikipedia.en:

The Trilateral Commission is a private organization, established to foster closer cooperation among the United States, Europe and Japan. It was founded in July 1973 at the initiative of David Rockefeller, who was Chairman of the Council on Foreign Relations at that time.

The Council on Foreign Relations (CFR) is an American nonprofit and nonpartisan membership organization dedicated to improving the understanding of U.S. foreign policy and international affairs.

Negli anni ’70 la Trilaterale commissionò uno studio sullo stato della Democrazia che potete facilmente trovare sul sito della Trilaterale, ovviamente ancora esistente. L’allora direttore Zbigniew Brzezinski firmo l’introduzione dove si spiegava che la crisi della democrazia era da più parti ventilata, sia dall’intellighenzia “occidentale” sia da quella comunista che vedeva nella crisi del capitalismo la conferma alle proprie teorie. Quel lavoro servì a dimostrare che per il successo della democrazia era necessario che il suo utente capisse la natura del sistema democratico. Zibi ci avverte che alcune conclusioni o suggerimenti da parte degli autori sono provocativi, ma che lo scopo del lavoro è infine promuovere lo scopo principale del sistema democratico: la combinazione di libertà personali e con l’aumento del progresso sociale.

Il lavoro è suddiviso in 4 parti: Europa occidentale, USA, Giappone e conclusioni. Ovviamente ognuno è libero di andarsi a leggere tutto il testo, ma io, per interesse e per voi vi farò il piacere di leggermi le conclusioni e farvi un riassunto.

Secondo me non bisogna sottovalutare il Potere, inteso come l’oligarchia che detiene i mezzi di produzione e di comunicazione, quando esso si riunisce, pensa e poi si dà delle linee di lavoro e le diffonde ad esponenti di spicco della politica internazionale a destra come a sinistra come nel mondo economico. E’ un modo molto efficace per dire: “Ragazzi, questo è il gioco, si gioca così e si può vincere”. Secondo me è implicita la conseguenza che chi non sta alle regole è fuori dal gioco.