Posts Tagged ‘Italia’

Il film su Pantani

4 settembre 2015

L’anno scorso e’ uscito e non me ne sono accorto, e questa settimana, complice il mal di schiena che mi ha tenuto a letto e l’abbonamento di prova che F ha fatto a Netflix, mi sono goduto il film su Pantani. Pantani, la morte accidentale di un ciclista, nella versione inglese del titolo. Anche perche’ fuori dall’Italia se non menzionavi la parola “ciclismo” nel titolo probabilmente pochi potevano capirne il contenuto dal solo nome di Pantani.

Un film bello, magnifica fotografia, magnifici suoni, magnifiche soggettive di come e’ andare in bicicletta, come sappiamo noi fortunati che abbiamo potuto gustare il suono e il sapore dell’asfalto e dell’erba e il profumo del vento quando eravamo giovani e forti.

Le recensioni sono discordi sul valore del film. Tutti sono d’accordo che e’ un bel film, ma a livello di contenuti, la tesi del complotto contro Pantani e’ sposata come un apriori, e questo incide sulla credibilita’ fattuale del documentario.

Inevitabile il confronto con Amstrong, sia il personaggio sia il film fatto su di lui. La mia prima reazione e’ stata, si’ ma Amstrong e’ Ammerikano, non merita compassione, pieta’ o simpatia.

In realta’ l’Amerikanismo dell’Amstrong non c’entra. C’entra che Amstrong era un “approfittatore”, ed e’ vivo, mentre Pantani era davvero un “ragazzo romagnolo”, ed ora e’ morto. Ho visto il documentario su Amstrong, e mi ricordo la casa lussuosa in cui vive. E in effetti uno come Amstrong non lo si puo’ che solo disprezzare.

Pantani no. Pantani e’ stato un eroe nazionale, un eroe con tutte le declinazioni di tragicita’ che la figura dell’eroe deve avere. E il groppo alla gola e le lacrime, durante e alla fine del film, sono garantite.

Annunci

L’Italia e la guerra

17 febbraio 2015

Odo messaggi bellicosi che arrivano dal Bel Paese.

L’Italia non puo’ fare una guerra per 3 ragioni: 1) non ha le risorse, 2) non ha la tradizione militare, 3) non ha la classe dirigente adatta.

italia-in-guerra1

Non ha le risorse: non ci sono i soldi. La guerra e’ una attivita’ estremamente costosa; il debito schizzerebbe al 200-300% del PIL e negli anni successivi alla fine della guerra ci sara’ poverta’ e guerra civile. Abbiamo gia’ visto.

Non ha la tradizione militare. Si parla qui sia di tradizione militare di lungo periodo (l’Italia come nazione non ha mai avuto pieni successi militari) ma soprattutto di breve periodo. In Italia non ci sono forze armate fatte da persone che hanno realmente combattuto negli ultimi 10-20 anni. La guerra e’ una cosa complessa che richiede esperienza.

Non ha la classe dirigente adatta. Questo e’ un ampio discorso; avro’ forse pregidizi, ma l’impressione e’ che comunque in Italia manchi una classe dirigente con effettivo contatto con la realta’ – le capacita’ di organizzare cose complesse forse ci sono, ma sono di certo ben nascoste.La guerra e’ una cosa complessa che richiede organizzazione e senso della direzione.

Questo non vuol dire che un parlamento italiano non dichiarera’ guerra nel prossimo futuro. Vuole dire che quando lo fara’ portera’ al disastro la maggior parte degli italiani e dei residenti in Italia.

In Italia ci vorrebbe una Thatcher

14 aprile 2013

La frase, se non ricordo male, non e’ mia, ma di un mio amico, detta anni fa.

Mi e’ tornata in mente in questi giorni di Aprile 2013, dove, qui in Regno Unito, si sono susseguiti i ricordi in onore della signora Thatcher nei giorni sucessivi al suo decesso.

Non dico che ci vorrebbe una signora Thatcher per riproporre letteralmente le sue politiche. L’Italia del 2013 non e’ il Regno Unito del 1979.

Ci vorrebbe una persona con il suo spirito il suo coraggio la sua convinzione per raggiungere un obiettivo: salvare l’Italia dal declino.

Ma, c’e’ un ma anche qua. Appunto, l’Italia del 2013 non e’ il Regno Unito del 1979. Il Regno Unito aveva una memoria di un impero e una memoria viva di una guerra (la seconda guerra mondiale) che ha forgiato il suo senso di unita’ e identita’ nazionale moderno, includendovi sia il senso di solidarieta’ tra i suoi cittadini sia il senso di essere dalla parte del giusto – contro l’Impero del Male, e di aver vinto.

Insomma, la situazione italiana di oggi non e’ simbolicamete transabile. E’ impossible riportare l’Italia ad antiche glorie, perche’ semplicemente non ci sono, se non tornando all’epoca dei comuni medievali (come alcuni molto debolmente suggeriscono – vedi Boldrin) o addirittura all’Impero Romano (ci hanno gia’ provato e non e’ andata particolarmente bene …).

Il passato dell’Italia, negli ultimi 500 anni, e’ un passato di fallimenti. Come fare a trovare un senso di urgenza, di identita’ e solidarieta’ nazionale, in questo contesto?

Riflessioni Italiane

29 marzo 2010

La prima impressione, scendendo la scaletta dell’aereo, è l’odore di sisso, l’odore forte della pianura padana. E mi sono sorpreso a ridere a questa constatazione.

Per il resto, per quanto il mio campione geografico si riferisca ad una parte della città di Parma e dell’Appenino parmense, ho trovato l’Italia in buona forma, a dispetto del pessimismo dilagante che si respira nei dialoghi mormorati tra le persone. La piccola città era viva e piena di fermento; al sabato mattina, complice il sole caldo, fiumane di persone si riversavano speranzose nel centro. Il Mu era pieno di gente che voleva divertirsi.  Nel piccolo comune di montagna il nuovo dinamico Sindaco invitava i cittadini a farsi volontari per la pulizia e la cura dei cimiteri. La gente sorride.